Archivi tag: misura alternativa

Espulsione dello straniero detenuto

Secondo costante giurisprudenza di legittimità, l’espulsione dello straniero irregolare extra Unione europea, condannato e detenuto in esecuzione di pena, anche residua non superiore a due anni, ha natura sostanzialmente amministrativa che costituisce una misura alternativa, atipica, alla detenzione. Tale disposizione trova fondamento poiché vi è l’esigenza di ridurre la popolazione carceraria, perciò, al contrario, ne è esclusa l’applicazione a quanti, in relazione alla pena da espiare, già si trovino sottoposti ad una misura alternativa in senso proprio oppure al regime degli arresti domiciliari esecutivi, ma non è di ostacolo per la sola applicazione dei benefici del lavoro esterno e dei permessi premio. Ebbene, l’obiettivo della legge è proprio quello di fare in modo che «fuoriescano dal circuito penitenziario, e siano subito rimpatriati, i condannati comunque non reintegrabili nella comunità nazionale, perché sprovvisti di titolo per rimanervi, già non avviati a percorsi proficui di risocializzazione e per i quali non sussistano prevalenti esigenze di tutela della loro incolumità e salute o delle loro relazioni familiari». Sicché, «l’espulsione di cui trattasi, sanzione ontologicamente alternativa alla pena, richiede che sia disposta allorché l’esecuzione della pena stessa sia ancora in atto all’interno dello stabilimento carcerario (…), il cui decongestionamento rappresenta, come notato, la ratio fondamentale dell’istituto» (Cassazione, Sez. 1a Pen. Sent. 28714/20; Presidente: CASA; Relatore: CENTOFANTI).

Numerazione in sequenza 66E20 del 23/10/2020

Revoca della misura

Sull’ammissibilità dell’istanza di affidamento in prova in casi particolari, avanzata da soggetto già destinatario in precedenza di un provvedimento di revoca di misura alternativa.

Nel generale scopo rieducativo della pena, nell’affidamento in prova terapeutico assume particolare rilievo la cura dell’interessato proprio rispetto alla di lui condizione patologica, Questo in ragione non solo dell’accertato reale stato di dipendenza del condannato, ma anche dell’idoneità del programma riabilitativo indispensabile alla totale risoluzione del problema. Numero 10E20 del 18/01/2020. Continua a leggere →